- Wi-Fi Italia, la rete a copertura nazionale

e-mail
info@gspcservice.it
Contattaci
+39 346 8080208
Vai ai contenuti

- Wi-Fi Italia, la rete a copertura nazionale

GS PCservice
Pubblicato da Giancarlo in Tecnologia · 14 Luglio 2017
E’ partito  il progetto Wi-Fi Italia nato dalla cooperazione tra il ministero dello  Sviluppo Economico, l‘Agenzia per l’Italia Digitale e  il ministero del Turismo e delle Attività Culturali. Una applicazione  che permette di localizzare le reti Wi-Fi pubbliche e accedervi con un  solo identificativo, così da non doversi più registrare singolarmente  sulle diverse reti di comuni, regioni, musei, biblioteche e altri enti  pubblici. L’applicazione  Wi-Fi Italia è il principale strumento dell’omonimo progetto del  ministero dello Sviluppo Economico, che ha lo scopo di rendere più  accessibili le reti Wi-Fi pubbliche e private, valorizzando in  particolare quelle dei posti di importanza culturale e frequentati da  turisti. Per il momento ad aderire in via  sperimentale all’iniziativa del ministero dello Sviluppo Economico e del  Ministero dei Beni Culturali e del Turismo sono state le regioni  Toscana ed Emilia Romagna, i comuni di Roma, Firenze, Milano, Prato e  Bari, oltre alla province di Firenze, Trento e Roma(mappa).  Dopo aver scaricato l’applicazione cercandola negli store iOS e Android  con il nome di wifi.italia.it, occorre registrarsi fornendo alcuni dati  anagrafici, un indirizzo e-mail e scegliendo una password: poi si  possono vedere le reti Wi-Fi pubbliche sul territorio nazionale,  localizzare la più vicina con un apposito scanner e connettersi.
Chiunque,  soggetto pubblico o privato, può aderire all’iniziativa e mettere a  disposizione la propria connessione Wi-Fi collegandosi al sito ufficiale.
Il  progetto è comunque attualmente abbastanza limitato, sia per la  copertura territoriale che per le funzionalità dell’applicazione. Ma si  pensa di arrivare in futuro a coprire tutto il territorio nazionale, per  connettersi alle reti pubbliche tramite computer o mobile con un solo  identificativo e l’applicazione sarà utilizzabile anche per accedere a  diversi altri servizi pubblici.


Torna ai contenuti